Lenin: genio o despota?

Chi è stato Lenin? Edward Carr lo reputava “il più grande rivoluzionario di tutti i tempi”. Lo storico di Cambridge per questo lo inquadrò come “un genio più costruttivo che distruttivo”. Secondo Orlando Figes, invece, si tratta di un despota orientale che può essere considerato “il primo leader moderno di partito a ottenere lo status di un dio”. Solo la ricostruzione della vicenda politica di Lenin può sciogliere l’arcano.

Continua a leggere

Fatemi ministro dell’Istruzione, se avete coraggio

Marco Lodoli è insegnante e scrittore, come Enrico Galiano ospitato qualche giorno fa. Dunque quando parla di scuola sa di cosa parla.
Il 3 agosto è comparso un articolo su Il Foglio, breve pamphlet in 10 punti su cosa farebbe eletto Ministro dell’Istruzione (Decalogo per una riforma della scuola).
Può non essere sempre condivisibile, ma sicuramente merita di essere letto!

Continua a leggere

La Scuola nel dimenticatoio della campagna elettorale: un’analisi di Futura e CGIL

Segnalo l’articolo “Scuola, la grande dimenticata della campagna elettorale” di Mario Pierro pubblicato su il Manifesto, con alcune dichiarazioni di Francesco Sinopoli, Segretario generale della FLC CGIL e i risultati di un sondaggio Futura-Cgil.

Continua a leggere

I sistemi educativi devono essere inclusivi o meritocratici?

Il nostro sistema educativo ha introdotto fin dal 2007 un modello per la valorizzazione dei successi scolastici, con la costituzione di un apposito albo delle eccellenze, prevedendo anche incentivi economici per una parte degli studenti più meritevoli (a prescindere dall’estrazione sociale).

Continua a leggere

Cosa prevede l’ “agenda Draghi” per la Scuola: aziendalizzazione e precarietà

La «riforma» degli Istituti tecnici superiori (Its), la creazione di una «Its Academy», la «riforma» del reclutamento dei docenti sono provvedimenti cruciali della cosiddetta «agenda Draghi» sostenuta da Pd e centristi vari (e non solo), in vista delle elezioni politiche del 25 settembre. Sono stati condivisi da tutti i partiti che hanno partecipato al «governo dei Migliori», gli stessi che ora si guardano in cagnesco. Sono l’espressione della stessa ideologia neoliberale che prevede la trasformazione della scuola in una formazione aziendale e performativa.

Continua a leggere

Il futuro dell’istruzione è sostenibile?

Secondo un rapporto di Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili)

  • il 43% degli istituti scolastici si trova in a rischio sismico
  • il 59% non dispone di dispositivi antincendio
  • il 57% è privo di certificato di collaudo
  • il 42,5% non è dotato di sistemi atti al risparmio energetico.
facciamo eco

Dati allarmanti, soprattutto all’indomani della pandemia in cui si era detto di fare il possibile per rendere le scuole luoghi più sicuri per i nostri studenti e in grado di far fronte anche alle emergenze future.

(fonte: FacciamoEco)

12 giugno: giornata mondiale contro il lavoro minorile

Il rapporto Child Labour: Global estimates 2020, trends and the road forward – pubblicato in occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile che si celebra oggi 12 giugno – evidenzia che i progressi per porre fine al lavoro minorile si sono arrestati per la prima volta in 20 anni, invertendo il precedente trend che vedeva il lavoro minorile diminuire di 94 milioni tra il 2000 e il 2016.

Continua a leggere

Quel Patto del lavoro del 1993 che solo il sindacato ha rispettato

Dopo l’attacco al reddito di cittadinanza si è aperta la seconda fase. Le imprese non sono in grado, se vogliono stare sul mercato, di offrire lavori di migliore qualità e meglio remunerati perché l’economia italiana risente di un basso livello di produttività del lavoro.

Insomma sempre colpa di chi lavora, si potrebbe dire. Non è così, però.

Questa volta l’argomento ha una sua solidità e va fatto lo sforzo di approfondirlo. Perché è vero che la produttività nel nostro paese è bassa, che questo spiega i tassi di crescita bassi di un ventennio della nostra economia, ed è anche chiaro che questo handicap rende più difficile la crescita delle retribuzioni dei lavoratori. Quindi giusto non negare il problema ed affrontarlo con rigore.

Senza addentrarci in un approfondimento teorico sulla produttività dei fattori, lavoro e capitale, e sulla produttività totale che discende dalla loro combinazione, è necessario, però, che il confronto venga riportato su pochi ed elementari fattori che lo rendano possibile ed utile.

Semplificando molto, i principali fattori che spiegano la bassa produttività in Italia si possono riassumere intorno a tre questioni.

  1. La struttura dimensionale delle imprese italiane è caratterizzata da imprese più medio piccole che medio grandi. Ed è dimostrato che se confrontiamo grandi imprese italiane con grandi imprese straniere siamo ben competitivi e spesso tra i migliori. Quindi la più bassa produttività è in gran parte dovuta al fatto che abbiamo poche imprese grandi e molte piccole con scarsa disponibilità – per poca ricerca e pochi investimenti – a fare ricerca e produrre innovazione.
  2. Un secondo fattore è dovuto alla struttura settoriale della nostra economia. Poche imprese nei settori industriali e dei servizi avanzati dove ci sono i più elevati livelli di produttività dei fattori e molte nei campi dell’agricoltura, del commercio, dei servizi diffusi, dove, in Italia come altrove, la produttività è oggettivamente più bassa.
  3. Se a questi fattori aggiungiamo la distribuzione territoriale della produzione che vede molta concentrazione nel centro nord e solo pochi esempi diffusi nel resto del paese abbiamo una terza spiegazione. Perché è chiaro a tutti che nelle aree a forte intensità industriale esiste un fattore “ambientale” fatto di cultura industriale, sia degli imprenditori che della forza lavoro, e di infrastrutture che favoriscono diffusione di conoscenze, scambi, qualità ed efficienza della logistica che di per sé hanno un effetto moltiplicatore dei tassi di produttività.

Quindi, per fermarci per il momento qui, il problema della bassa produttività esiste ma andrebbe affrontato prendendo il toro per le corna ed affrontando i problemi elencati. È su questo livello alto della discussione che si dovrebbe sviluppare un confronto anche tra le principali rappresentanze del lavoro e delle imprese.  Senza trucchi e senza inganni. A cominciare da patti sociali o comunque li si voglia chiamare che dietro belle parole nascondono visioni miopi come quella di concordare un sostanziale blocco dei salari per bloccare la spinta crescente ad un loro aumento.

Su questo terreno abbiamo già dato e sarebbe ora di prendere atto, tutti, di errori e limiti già scontati.

Mi riferisco agli accordi famosi del luglio 1993 sulla cosiddetta politica dei redditi: contenimento dei salari per frenare l’inflazione a due cifre e aggancio alla produttività che avrebbe, quindi, dovuto fare un balzo in avanti. Ma niente è stato fatto per affrontare i tre problemi citati all’inizio, la produttività è rimasta al palo ed i salari pure. E dopo trenta anni c’è chi ripropone le stesse ricette?

Quando si capirà che i salari non sono solo in reddito per chi lavora, ma hanno una funziona di leva nell’economia di un paese? Che solo se sono spinte da salari decenti le imprese sono sollecitate ad investire, innovare, fare la loro parte nell’aumento della produttività? Perché salari bassi e lavoro precario vanno a braccetto con la bassa produttività.

Sarebbe ora di prenderne atto, e di parlare di un nuovo patto per il futuro. Certo se si riconosce che quello del 1993 è stato illusorio perché il sindacato lo ha rispettato, ma la classe imprenditoriale prevalente è rimasta miope ed egoistica, se ne potrebbe pure riparlare.

Ma, lo abbiamo scritto su queste pagine, con una classe imprenditoriale che bussa sempre a cassa, proponendo solo nuovo deficit a proprio favore è molto difficile progettare e concordare un futuro.

Meglio allora, oggi, che sindacato e quel che resta a sinistra partano da un altro punto di vista. Ormai viviamo in un mondo di lavoro precario. E’ difficile rappresentarlo, organizzarlo, farlo diventare la leva per un rilancio.

Ma ci sono momenti della storia in cui bisogna proprio ripartire dagli ultimi. Sono tanti e saranno di più e senza di essi ci sono solo rischi di avventure. E’ ora di farlo.

Aldo Carra, su Il Manifesto

LA REDAZIONE DE “IL MANIFESTO” CONSIGLIA:
Produttività, Italia ferma agli anni Novanta
Salario, lavoro povero e reddito: i lati oscuri della «ripartenza»
Produttività, tecnologia siamo in coda. Nessun piano, niente sviluppo