O la borsa o la vita!

Il sotegno agli studenti è un dovere costituzionale

La borsa di studio è un aiuto economico riservato a chi si iscrive all’università o presso qualsiasi istituto di ogni ordine e grado. Viene finanziata da Stato, regione e dalla Tassa regionale per il DSU, che è la voce più corposa. Da diversi anni questi finanziamenti non bastano a coprire tutto il fabbisogno.

Proprio per gli scarsi finanziamenti gli atenei lombardi da anni erogano di tasca propria le risorse economiche per garantire la copertura totale delle borse.

Quest’anno, inoltre, si è registrato un ulteriore incremento degli importi delle borse, senza peró prevedere a livello statale un aumento dei fondi. La situazione rischia dunque di degenerare se neanche Regione Lombardia deciderà di aumentare i fondi.

Per questo motivo come realtà lombarde dell’Unione degli Universitari, in collaborazione con CGIL Lombardia e FLC CGIL Lombardia stiamo lavorando incessantemente da settimane per garantire che questi incrementi di finanziamento arrivino.

Campagna organizzata da FLC CGIL Lombardia, CGIL Lombardia, UDU, Rete degli studenti.

Una borsa di studio universitaria è un sostegno finanziario offerto agli studenti per coprire parte o interamente i costi delle tasse universitarie, dei libri di testo e dell’alloggio. Questo tipo di borsa può essere concessa in base a vari criteri, come il merito accademico, il reddito familiare o l’appartenenza a gruppi demografici sottorappresentati. Le borse di studio universitarie offrono agli studenti un’opportunità di formazione superiore senza dover affrontare un peso finanziario eccessivo. Sono un mezzo importante per promuovere l’accesso all’istruzione e favorire il successo degli studenti.


Massimiliano
Massimiliano
Articoli: 168

Newsletter

Iscriviti alla mia newsletter per essere aggiornato (cadenza settimanale)

Lascia una risposta